venerdì 27 maggio 2016

10 righe da … GD degli Squali: 15 maggio 2016

10 righe da … GD degli Squali: 15 maggio 2016
Dal punto di vista atletico era da molto che non praticavo più un esercizio prolungato in bici ad intensità medio/elevata. Ho svolto infatti molti ultimi miei allenamenti correndo a piedi, senza superare i 70' complessivi di attività e ad una intensità più elevata rispetto a quella di domenica scorsa.
Sono comunque riuscito a spalmare bene sull'intero percorso le mie energie disponibili; ho avvertito sintomi di crampi e indolenzimenti solo quando ormai ero arrivato. Domenica per me era difficile fare meglio, quindi sono rimasto soddisfatto della mia resa.
Metabolicamente e nutrizionalmente, per questo tipo di gara, ho adottato la seguente, consolidata strategia: oltre 2 ore prima della partenza, colazione dimezzata e dose di insulina dimezzata, con integrazioni di cho di circa gr. 15-20 ciascuna ogni 30-40 minuti.
Durante quei 162' di pedalata a Gabicce, il mio cardiofrequenzimetro ha calcolato una FC media complessiva di 151bpm, una FC max a 174 (sicuramente in qualche salita) e comunque sono stato solo 8' su 162' sopra i 165 bpm (ho messo il limite di 165bpm al mio cardio, avendo -al momento- approssimativamente stimato sotto tale frequenza la mia tendenza glicemica a scendere, mentre sopra tale frequenza la mia tendenza glicemica a salire).
Questo tipo di esercizio atletico prolungato ad intensità medio/elevata, nelle successive 36 ore mi ha provocato un minor bisogno insulinico e una maggiore stabilità glicemica. Ho più volte verificato che con la bici riesco a massimizzare più che con la corsa questo effetto.
Sono complessivamente soddisfatto per come si sia chiusa questa Gf degli Squali; anche alla luce delle pessime previsioni metereologiche, si è poi rilevata una corsa fortunata, ben organizzata e una opportunità di trascorrere insieme un piacevole fine settimana, confrontarsi e rinnovare lo spirito di squadra.